Servizi offerti ai degenti e ai loro familiari

La Chiesa Cattolica (Diocesi di Alessandria) è presente in questa Azienda Ospedaliera con la Cappellania Ospedaliera collocata accanto alla Chiesa centrale “SS. Antonio e Biagio”La Cappellania è composta da Cappellani e da volontari laici, il cui compito è l’accompagnamento del malato attraverso l’ascolto attivo e l’attenzione ai loro bisogni umani e spirituali. I cappellani e i volontari visitano i malati e sono a disposizione per colloqui con gli stessi e i loro familiari. Come in ogni comunità cristiana, i Cappellani svolgono il Ministero dei sacramenti e animano momenti di preghiera.

Assistenti Religiosi: Don Stefano Tessaglia e Padre Librera Manolo

 

Ufficio Parrocchiale

Ufficio Parrocchiale: Telefono  0131 206852; – per informazioni centralino 0131 206111

E-mail:  stefano.tessaglia@ospedale.al.it

Numeri interni ospedalieri per le urgenze:    

Don Stefano Tessaglia                telefono 8459 

Padre Librera Manolo                 telefono 8460

                       

La Chiesa “SS. Antonio e Biagio” è aperta:   

da Lunedì al Venerdì                   dalle 7.00 alle 19.00

Sabato, Domenica e Festività      dalle 8.00 alle 19.00

Stanza del silenzio

La Stanza del Silenzio è collocata al primo piano del Centro riabilitativo “T. Borsalino”,

di fronte alla cappella. Si tratta di uno spazio da dedicare a tutti, per pensare, raccogliersi,

pregare o consumare un dolore.

Regole di comportamento

–  è richiesto il silenzio a tutti gli utilizzatori;

– tutti gli utilizzatori devono garantire il massimo rispetto delle altre fedi o confessioni presenti;

– è richiesto il mantenimento in ordine del locale utilizzando con cura e riponendo il materiale

eventualmente utilizzato. L’azienda non è responsabile per alcun oggetto personale smarrito o

danneggiato ivi custodito.

Orario di apertura: tutti i giorni, ore 09.00 – 20.00.

Accesso:  illimitato (nell’orario di apertura) a pazienti, amici e familiari ed operatori.

L’azienda si riserva di modificare e/o limitare l’accesso per ragioni organizzative e di sicurezza.

 

L’Azienda Ospedaliera ha da sempre favorito la presenza e l’attività all’interno delle strutture sanitarie degli organismi di volontariato e di tutela dei diritti. A tal proposito, nell’anno 2008 è stato avviato un percorso di potenziamento del ruolo del servizio sociale ospedaliero cui devono rivolgersi le associazioni di volontariato per il perfezionamento delle procedure di autorizzazione e convenzionamento con l’Azienda stessa.

Tale servizio collabora strettamente anche con la Struttura Relazioni Esterne, che ha visto potenziate le sue attività relativamente ai rapporti con il mondo del volontariato. In linea con la normativa nazionale e regionale è stato inoltre avviato nell’anno 2008 un percorso finalizzato alla revisione del regolamento aziendale che disciplina i rapporti con le associazioni, anche in considerazione delle direttive impartite a livello regionale finalizzate a garantire una partecipazione più pregnante al mondo del volontariato nelle attività di programmazione, pianificazione, verifica della qualità e gradimento dei servizi da parte del cittadino anche nelle sue forme associate.

L’Azienda intende pertanto proseguire i rapporti avviati definendo specifiche convenzioni dirette a stabilire ambiti e modalità di collaborazione, fermo restando il diritto alla riservatezza comunque garantito al cittadino e la non interferenza nelle scelte professionali degli operatori sanitari. Sempre nell’anno 2008 l’Azienda ha ritenuto importante far conoscere anche al mondo esterno le collaborazioni attive con le associazioni anche attraverso la partecipazione alla Fiera del Volontariato tenutasi a livello locale.

Chi sono i volontari per l’Azienda? “Persone che con benevolenza a e comprensione, vanno incontro alle esigenze e ai disagi di chi ha bisogno di aiuto. Lo sforzo attivo e gratuito dei volontari agevola i pazienti e i loro accompagnatori: un sorriso, un cenno, un po’ di compagnia … un altro aspetto del supporto psicologico. L’Azienda Ospedaliera si impegna ad accogliere i volontari all’interno dei presidi e ne regolamenta l’accesso, perché sia fornito un sostegno morale sia ai pazienti ricoverati sia a quelli che accedono per attività ambulatoriale. Il personale sanitario e di assistenza fornisce la più ampia collaborazione in modo che l’opera dei volontari possa soddisfare i fabbisogni degli assistiti, nella salvaguardia della scrupolosa osservanza delle norme igienico e sanitarie”.

Si allega un giornalino per i bambini e le bambine ricoverate all’infantile redatto dall’AVOI
Benvenuti a Bordo

La funzione di mediazione culturale è un servizio fornito ai pazienti stranieri per spiegare le regole del sistema sanitario e dell’Azienda Ospedaliera, facilitare l’orientamento presso la struttura e l’effettuazione di pratiche amministrative di routine, fino all’accompagnamento degli utenti stranieri nei casi particolarmente problematici.

Sono previste le chiamate per gli interventi di emergenza che vengono effettuate dal personale della struttura interessata.

A disposizione degli utenti, ogni servizio dell’Azienda può fruire della convenzione con HELP-Voice, servizio di interpretariato telefonico attivo 24 ore su 24 per 365 giorni l’anno. È sufficiente comporre il numero verde 800432665 e seguire le istruzioni vocali per entrare in contatto con il mediatore della lingua richiesta.

<span style="font-size: 30pt; color: #ffffff;"</span>Biblioteca e Centro DocumentazioneIl Centro Documentazione (Biblioteca Biomedica) dell’Azienda Ospedaliera Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo, specializzato in ambito biomedico, ha il compito di garantire l’accesso all’informazione scientifica sia al personale dell’Azienda Ospedaliera sia ad utenti esterni interessati per motivi di studio e di ricerca. Esso rappresenta quindi uno strumento prezioso per i professionisti del mondo sanitario svolgendo una funzione documentaria e strumentale in appoggio all’attività di studio, sperimentazione, ricerca, diagnostica e didattica, raccogliendo e conservando materiale librario antico e moderno. Il Centro di Documentazione fa parte della Rete delle Biblioteche Biomediche presenti nel Servizio Sanitario Regionale ed è parte integrante della Biblioteca Virtuale della Regione Piemonte (BVS-P).

Il Centro mette a disposizione:

  • 4 postazioni PC da cui è possibile collegarsi ad internet e fare ricerche bibliografiche su banche dati di prestigio internazionale
  • Il materiale posseduto sia su supporto cartaceo sia online
  • La ricerca e la fornitura di documenti legislativi
  • Il reperimento di articoli e materiale, anche se non posseduti, tramite il prestito interbibliotecario
  • Il supporto del personale per la ricerca bibliografica

Presso i locali del Centro di Documentazione, è attiva inoltre la Biblioteca dell’Ospedale, gestita anche in collaborazione con l’Associazione “Amici della Biblioteca di Alessandria”, in cui sono disponibili libri di lettura a scopo “ricreativo” che possono essere richiesti in prestito da degenti, parenti, personale dipendente, collaboratori e visitatori. Quest’area “di svago” è stata allestita e rinnovata a seguito dell’ampliamento del patrimonio librario dovuto all’ingente donazione effettuata dalla Casa Editrice Mondadori:  è possibile quindi trovare libri di lettura recenti e nuovi appartenenti ai diversi generi letterari e una selezione dei volumi facenti parte del materiale già in dotazione alla Biblioteca negli anni passati.

Il personale tecnico e amministrativo  fornisce assistenza all’uso dei cataloghi, dei repertori e consulenza per l’individuazione e la localizzazione delle pubblicazioni e dei libri.

Per i servizi offerti visualizzare la pagina dedicata alla biblioteca e al centro di documentazione

Orari: dal Lunedì al Giovedì 09.00 – 12.30 e 13.30 – 15.30

            Venerdì 09.30 – 12.30 

Ubicazione: Via Venezia 16, Primo Piano 

Tel:  0131-206499 

E-mail: centrodocumentazione@ospedale.al.it

            amaconi@ospedale.al.it

 

Presso il p.o. “SS. Antonio e Biagio” è presente lo sportello dell’Istituto Tesoriere con accesso sia esterno su via Venezia n. 12 che interno, piano terreno a fianco degli uffici C.U.P.. Nel corridoio interno è inoltre presente un punto di prelievo BancomPresso il p.o. “SS. Antonio e Biagio” è presente lo sportello dell’Istituto Tesoriere con accesso sia esterno su via Venezia n. 12 che interno, piano terreno a fianco degli uffici C.U.P.. Nel corridoio interno è inoltre presente un punto di prelievo Bancomat.

La scuola ospedaliera fa riferimento all’Istituto Comprensivo IV Circolo – Cavour di Alessandria in Spalto Rovereto, telefono 0131-223741.

Referente per la sezione ospedaliera: insegnante Sig.ra Maria Cavallini, telefono 0131-207209, www.colorideibambini.it (sezione Alessandria), email: mcavallini@ospedale.al.it

Ubicazione: Cineteca del p.o. “Cesare Arrigo”

Orario: Lunedì e Venerdì dalle ore 08.00 alle 12.30

            Martedì, Mercoledì e Giovedì dalle ore 12.00 alle 16.30

La scuola ospedaliera ha il fine di:

  • Garantire il diritto allo studio e limitare fenomeni di abbandono e dispersione scolastica
  • Mantenere il contratto tra lo studente e la scuola di appartenenza al fine di assicurare continuità al processo educativo
  • Contribuire al processo di guarigione favorendo la situazione di normalità
  • Esprimere il dovere sociale di garantire agli alunni degenti il diritto alla scolarizzazione e alla cultura

I giorni di frequenza presso la scuola ospedaliera nell’ambito del ricovero risultano a tutti gli effetti presenze effettuate presso il proprio Istituto Comprensivo di appartenenza. Viene rilasciato al termine del ricovero un attestato da consegnare al proprio Istituto di riferimento. La scuola ospedaliera utilizza il registro elettronico per cui sia gli insegnanti che i genitori degli alunni possono verificare il programma svolto. Oltre alla normale attività scolastica la scuola promuove quattro progetti:

  • Didattiche speciali in collaborazione con la Medicina Fisica Riabilitativa
  • Esperienze educativo-didattiche mediante strumenti informatici delle sequele cognitive del trauma cranico
  • Progetto dislessie evolutive
  • Progetto Museo della Scienza e della Tecnica di Torino

La scuola garantisce alle famiglie e agli alunni, affetti da patologie con esiti invalidanti di varia entità, continuità scolastica e supporto con interventi mirati di collaborazione. Promuove la scuola domiciliare per gli alunni aventi diritto.

Tutti i moduli per la richiesta della scuola domiciliare si possono trovare sul sito www.colorideibambini.it.

A conclusione degli accordi presi con la Direzione Medica di Presidio esiste la possibilità, su richiesta, per i ragazzi ricoverati presso il p.o. “SS. Antonio e Biagio” nel reparto di Ematologia e di Radioterapia, di usufruire del servizio scuola in ospedale. Le lezioni possono essere seguite in loco, in videoconferenza con le classi di appartenenza o usufruendo del servizio di scuola domiciliare.

Orario di apertura camera mortuaria :

  • p.o. “SS. Antonio e Biagio”: dal Lunedì al Sabato ore 09.00 – 11.00 e 14.00 – 16.00

                                                     Domenica e Festivi ore 09.00 – 11.00

  • Centro Riabilitativo “T. Borsalino”: come sopra
  • p.o. “Cesare Arrigo”: dal Lunedì al Sabato ore 09.00 – 12.00 e 14.00 – 16.00

                                           Domenica e Festivi  ore 09.00 – 14.00

In caso di decesso presso i Presidi Ospedalieri, i familiari devono provvedere alla scelta dell’impresa di propria fiducia sia essa nazionale o estera. L’Azienda Ospedaliera tutela e garantisce questo diritto, anche attraverso il divieto a tutti i dipendenti da contattare o suggerire, a qualsiasi titolo, le imprese di Onoranze Funebri.

Il Bar all’interno del p.o. “SS. Antonio e Biagio”, è situato al piano terra, settore B colore rosso, con il seguente orario di apertura: da Lunedì a Venerdì ore 06.30 – 18.00

                                                                                                                                                                                                             Sabato ore 07.00 – 14.00

                                                                                                                                                                                                             Domenica ore 07.00 – 13.00.

All’interno dei Presidi Ospedalieri e del Poliambulatorio “I. Gardella” sono presenti dei distributori automatici di acqua, bevande calde e fredde ed altri generi di conforto, in funzione 24 ore su 24.

 

I famigliari dei degenti, autorizzati a prestare assistenza continuativa, hanno la possibilità di usufruire della mensa ospedaliera.

Le modalità di accesso sono le seguenti:

  • prenotazione presso il Responsabile Infermieristico della Struttura Sanitaria di degenza;
  • pagamento presso la Tesoreria dell’Ente;
  • ritiro del buono pasto c/o l’Ufficio Ricoveri Paganti della S.C. Contabilità Economica e Patrimoniale sito in Via S. Caterina n. 30, primo piano, da Lunedì a Venerdì ore 08.30 – 12.30 e 13.30 – 15.30;
  • consumazione del pasto nella mensa aziendale (piano seminterrato) o presso la Struttura Sanitaria di degenza, qualora ci sia sufficiente disponibilità di spazio.

All’interno dei Presidi Ospedalieri “SS. Antonio e Biagio” e “Cesare Arrigo” giornalmente è a disposizione il servizio di distribuzione di quotidiani, settimanali e riviste, inoltre per il p.o. “Cesare Arrigo” anche di giocattoli.

Accessibility