SC Urologia

Patologie trattate o esami:

Le strategie terapeutiche vengono sempre studiate, intraprese e discusse con il paziente, valutando tutti i fattori che sono presenti per ogni specifico caso che si va ad affrontare come l’estensione della neoplasia, le condizioni generali di salute, ect. Successivamente si passa a discutere del trattamento chirurgico le cui tecniche sono diverse e a volte complesse in funzione delle caratteristiche della neoplasia in questione.

  • Neoplasie prostatiche Grazie alle competenze mediche e all’acquisizione di moderne tecnologie la Struttura di Urologia e’ all’avanguardia nel trattamento di questa patologia.In seguito alla dotazione del Robot Da Vinci e grazie all’esperienza maturata  sono stati eseguiti un numero ragguardevole di interventi con buoni risultati oncologici e funzionali.Nuova frontiera della chirurgia mini-invasiva (ridotti sanguinamenti, migliori risultati estetici e tutti i vantaggi nel post-operatorio quali riduzione del dolore, del tempo di degenza e piu’ rapida ripresa delle attivita’ quotidiane normalmente svolte).
  •  Neoplasie vescicali trattate con resezioni endoscopiche, chemioterapia ed immunoterapia endovescicale ed interventi di cistectomia radicale con derivazione urinaria.

Nei paziente urostomizzati il nostro personale infermieristico e’ a completa disposizione per informazioni sulla corretta gestione dell’urostomia, sulle modalita’ di acquisizione del materiale protesico e per gestire ev. complicanze che si possono verificare nel tempo.

  • Neoplasie renali.La chirurgia conservativa renale rappresenta la prima scelta nel trattamento del carcinoma renale localizzato di diametro inferiore ai 4 cm.ossia l’asportazione del solo tumore senza sacrificare il rene stesso (enucleoresezione).Negli altri casi si ricorrera’ a nefrectomia radicale. Tali interventi vengono eseguiti con diversi approcci chirurgici: a cielo aperto oppure laparoscopico robot assistito.
  • Neoplasie delle alte vie escretrici si intendono tumori uroteliali che coinvolgono calici, pelvi renale e uretere. Trattamenti chirurgici conservativi nelle neoplasie di basso grado (resezione ureterale). Nei casi di neoplasie di alto grado nefroureterectomia ovvero asportazione del rene, uretere e tassello vescicale periureterale
  • Neoplasie testicolari (con eventuale posizionamento di protesi)
  • Neoplasie peniene Il primo passo e’ la biopsia e si fa una prima valutazione istologica. Fatto questo e’ importante una stadiazione con indagini di diagnostica per immagini. Quando la neoplasia e’ piuttosto estesa ed ha invaso il pene in profondita’ trattamenti chirurgici con asportazione parziale o totale del pene., Asportazione dei linfonodi a livello inguinale o pelvico.
  • Stenosi uretrali Vengono trattate con dilatazioni uretrali mediante l’inserimento nell’uretra di cateteri di calibro progressivamente maggiore che serve ad allargare il restringimento in modo graduale e non traumatico. L’intervento uretrotomia endoscopica consiste nell’allargare il canale uretrale tramite un taglio interno effettuato con un particolare strumento entrando nell’uretra attraverso il meato uretrale esterno e proseguendo con lo strumento fino al tratto stenotico.
  • Calcolosi renale, ureterale. La calcolosi renale viene trattata in base a sede, diametro e natura del calcolo.In caso di calcoli endorenali ci si avvale di una terapia medica litolitica (utile per la calcolosi uratica), della ureterorenoscopia (retrograde intrarenal surgery, RIRS).In caso di calcolosi voluminosa nefrolitotomia percutanea (PCNL o ECIRS). In caso di calcoli ureterali ureteroscopia URS con ureterolitotrissia, in casi selezionati l’ ureterolitotomia chirurgica.
  • Patologie andrologiche (disfunzione erettile, eiaculazione precoce, IPP, infertilità maschile, varicocele) con trattamenti medici non invasivi e ove necessario con trattamenti chirurgici.
  • Patologia scrotale e peniena benigna Idrocele, cisti epididimo, fimosi, frenulo breve.Gli interventi di tali patologie vengono effettuati in regime di day-surgery (poche ore di permanenza in reparto) in anestesia locale. La torsione del funicolo spermatico rappresenta una vera e propria emergenza urologica. Bisogna intervenire in modo tempestivo entro sei ore dall’insorgenza dei sintomi, eseguendo un intervento esplorativo e fissando il testicolo allo scroto.
  • Ipertrofia prostatica trattata con tecnica endoscopica TURP resezione prostatica transuretrale, mediante fonti di energia mono o bipolare.Terapia chirurgica rappresentata dall’exeresi dell’adenoma prostatico (adenomectomia) per via sovrapubica transvescicale per volumi prostatici superiori a 80-100 ml.
  • Calcolosi vescicale  che prevede la litotrissia e l’asportazione dei frammenti litiasici per via transuretrale. Soli in rari casi per calcolosi multipla e voluminosa ricorriamo alla cistolitotomia ovvero all’asportazione dei calcoli per via chirurgica.
  • Incontinenza urinaria maschile e femminile. Il nostro compito fondamentale e’ di valutare i sintomi cercando di stabilire il rapporto causa/effetto che li genera al fine di applicare in prima istanza una terapia mirata del disturbo, riservando la diagnostica strumentale e lo studio urodinamico (insieme di test tesi a valutare la condizione patologica alla base dell’alterato controllo del ciclo minzionale: uroflussometria, studio pressione/flusso, cistomanometria, elettromiografia) nei casi complessi Il ritardo nella diagnosi e nella terapia si traduce in una protratta sofferenza per il paziente, mentre una tempestivita’ diagnostico-terapeutica in molti casi potrebbe esitare in un miglioramento considerevole della qualita’ della vita, restituendo dignità e indipendenza a persone viceversa fortemente condizionate. In base alla diagnosi si procedera’ ad interventi mini-invasivi per la correzione dell’incontinenza contestualmente all’intervento per i prolassi pelvici, oppure a cure farmacologiche.

Servizi erogati

Attività in regime di ricovero

Vengono trattate tutte le neoplasie urologiche (della prostata, del rene, della vescica e delle alte vie escretrici, del testicolo, del pene), grazie anche ad una completa collaborazione con gli oncologi e radioterapisti con cui sono attivi degli ambulatori congiunti.

Orari di visita al reparto: mattino 07.00-08.30; 11.30-14.00; pomeriggio:18.00-20.00.

13 letti per ricoveri ordinari e 2 letti di day-surgery.

Modalità di accesso:

Ricovero programmato in degenza ordinaria: ricovero continuativo nelle 24 ore.All’ingresso e’ necessario tesserino sanitario, esami strumentali eseguiti, terapia domiciliare in  atto, effetti personali.  

Ricovero d’urgenza che fa seguito normalmente ad un accesso al Pronto Soccorso e comunque alla comparsa di un problema acuto di salute che richiede accertamenti clinici o interventi non differibili nel tempo.

Day-hospital ricovero giornaliero programmato effettuato in un’unica giornata o in cicli con accessi di piu’ giornate ciascuna di durata inferiore alle 12 ore (non e’ necessario che il paziente pernotti in ospedale).E’ rivolto ai pazienti che necessitano prestazioni in collaborazione con la Radiologia Interventistica come sostituzioni stent, nefrostomie.

Day-surgery ricovero giornaliero programmato effettuato per consentire interventi chirurgici minori (circoncisione, idrocelectomia, varicocelectomia, ect), con dimissione il pomeriggio stesso del giorno dell’intervento o sporadicamente il giorno seguente (one day-surgery).

Ai pazienti che si recano presso il nostro ambulatorio o reparto per qualsiasi procedura (dalla semplice visita sino all’intervento chirurgico) viene sempre consegnato un referto specialistico dettagliato, da conservare al fine di poterlo esibire sia al Medico di Famiglia (con cui sono costanti i contatti telefonici), sia allo Specialista Urologo in occasione di visite successive.

Attività Clinica

Il nostro compito è occuparci della prevenzione, delle diagnosi e dei trattamenti delle patologie dell’apparato urinario ed uro-genitale maschile e femminile, utilizzando tecniche d’avanguardia con l’obiettivo di ripristinare lo stato di salute dei pazienti e migliorarne la qualità di vita. Inoltre cerchiamo di umanizzare il ricovero ospedaliero, sia esso breve o lungo migliorando la condizione assistenziale.

Attività in regime ambulatoriale

Gli ambulatori della struttura sono a disposizione sia per visite di controllo in pazienti precedentemente ricoverati, che per l’inquadramento diagnostico e terapeutico di pazienti che accedono per la prima visita (previa prenotazione al CUP 800017747),dal lunedì al venerdì dalle ore 08.00 alle 16.00.

Ambulatorio uro-oncologico (prenotazioni Signora Leotta 0131/206210).

Ai malati affetti da patologie urologiche sono dedicati specifici ambulatori in grado di assicurare l’esecuzione degli esami pre-operatori che, per ottimizzare i tempi di degenza, vengono eseguiti prima del ricovero.

 Aree di eccellenza

  • Centro di riferimento regionale per lo studio, diagnosi e cura dell’incontinenza urinaria maschile e femminile di I° e II° livello
  • Centro di eccellenza per l’implantologia peniena riconosciuto dalla Societa’ Italiana di Andrologia (SIA)
  • Servizio di Neurourologia presso il Centro Riabilitazione Polispecialistico “Borsalino”
  • Centro di eccellenza per la chirurgia robotica delle neoplasie prostatiche e renali.

La struttura a Novembre 2010 ha ottenuto la certificazione CERMET per la qualita’ in conformita’ alla norma UNI EN ISO 9001 e ha individuato degli indicatori di attivita’ relativi alle seguenti macroaree (appropriatezza delle prestazioni, continuita’ assistenziale, comunicazione con il paziente, sicurezza di pazienti ed operatori, efficacia delle procedure effettuate).

 

Attività didattiche e di ricerca

Il personale medico della struttura svolge attività didattica nei confronti dei Medici di Medicina Generale (principali argomenti inerenti alle malattie dell’apparato urinario, uro-genitale maschile e femminile, approcci terapeutici ect.). Partecipazioni a congressi nazionali ed internazionali talvolta in qualità di oratori o moderatori portando contributi scientifici e l’esperienza professionale. Adesione ad iniziative aziendali, regionali con campagne di screening e prevenzione.

Favorendo la interdisciplinarietà con le altre specialità cliniche al fine di migliorare i percorsi terapeutici dei pazienti.

 

 

 

UROLOGIA

0131 206825 0131 206485 0131 206473

urologia@ospedale.al.it

Presidio Ospedaliero SS Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Via Venezia 16

Degenza Settore G- Piano 1
l Day-hospital ed Ambulatori della S.C. Urologia Settore G Piano 0


DIRETTORE

Serao Armando


EQUIPE

Audino Patrizia

Cortese Fiorenza Caterina

Di Stasio Andrea

Ferraro Muriel

Pedalino Marco

Tiranti Donatella

 

 


COORDINATORE INFERMIERISTICO

Leotta Concetta


 

 

 

 


 

Scarica qui la Carta dei Servizi

Accessibility