SC Chirurgia generale

 

Strutture afferenti: Struttura Chirurgia della Mammella

Principali prestazioni offerte dalla Struttura Chirurgia Generale:

Chirurgia Oncologica  

chirurgia oncologica robotica- laparoscopica-laparotomica

colon-retto: 

  • emicolectomia destra
  • emicolectomia sinistra
  • resezione del colon trasverso
  • resezione angolo colico sinistro
  • resezione anteriore del retto
  • resezione anteriore del retto ultrabassa con preservazione sfinterica ed approccio trans anale
  • Resezione anteriore del retto robotica con accesso transanale (robotic TA-TME)
  • amputazione del retto per via addomino-perineale
  • colectomia totale e subtotale
  • T.E.M.

stomaco:

  • gastrectomia totale e subtotale

duodeno -digiuno – ileo:

  • resezioni digiunali e ileali

fegato e vie biliari, pancreas:

  • resezioni epatiche parziali
  • epatectomia destra e sinistra
  • duodenocefalopancreasectomia
  • pancreasectomia totale
  • derivazioni biliodigestive

milza:

  • splenectomia, emisplenectomia e resezioni parziali

surrene:

  • surrenalectomia destra
  • surrenalectomia sinistra

mammella:

  • quadrantectomia
  • mastectomia radicale con linfoadenectomia del cavo ascellare
  • mastectomia radicale con ricostruzione immediata (posizionamento espansore o protesi)
  • mastectomia skin-sparing
  • mastectomia nipple-sparing
  • mastectomia skin/nipple sparing laparoscopica
  • linfonodo sentinella

tiroide e paratiroidi:

  • tiroidectomia totale
  • paratiroidectomie 

tessuti molli e retroperitoneo:

  • asportazione di tumori dei tessuti molli
  • asportazione di tumori del retroperitoneo

linfonodi:

  • linfoadenectomie tripode celiaco
  • linfoadenectomie interaortocavali
  • escissione linfonodi periferici

Terapia chirurgica non oncologica e funzionale

– chirurgia robotica-laparoscopica-laparotomica dell’apparato digerente 

  • stomaco, duodeno, ileo
  • fegato, pancreas, vie biliari
  • colon, retto

– chirurgia robotica- laparoscopica dei disturbi funzionali

  • terapia chirurgica del reflusso gastro-esofageo

chirurgia laparoscopica- laparotomica della parete addominale

  • laparoceli
  • ernie

– chirurgia coloproctologica 

  • prolasso rettale, emorroidi, fistole, ragadi

-chirurgia tiroidea

– emitiroidectomia

– tiroidectomia totale

– tiroidectomia totale con linfoadenectomia del comparto centrale

Chirurgia d’urgenza 

in particolare:

  • rotture traumatiche di fegato e milza
  • rotture traumatiche di visceri cavi
  • trattamento laparoscopico di ferite penetranti da punta e taglio
  • trattamento laparoscopico di perforazione di ulcere gastriche e duodenali
  • trattamento laparoscopico di perforazioni dell’intestino
  • trattamento chirurgico degli stati occlusivi acuti
  • appendicectomia laparoscopica
  • colecistectomia laparoscopica

 Chirurgia ambulatoriale:

  • trattamento chirurgico lesioni cutanee maligne e benigne
  • trattamento chirurgico patologia ascessuale anale e dei tessuti molli

Gli interventi si effettuano in anestesia locale senza necessità di effettuare pre-ricovero. L’attività è svolta dalle ore 11:30  alle ore 14:00 due volte al mese di martedì presso il blocco operatorio 2, piano terra, in fondo al corridoio degli ambulatori di oculistica. Sono necessarie le  impegnative del MMG per la procedura chirurgica e per l’eventuale esame istologico.

Dopo la procedura ed una breve osservazione  il paziente è dimissibile entro le 14.00 circa

 

Chirurgia generale degenze

  • Protocollo di gestione del paziente nel peri e post-operatorio secondo linee guida ERAS

 Ecografia chirurgica interventistica

  • Aspirazione e drenaggio cisti, pseudocisti e ascessi
  • Posizionamento di reperi mammari
  • Ecografia intraoperatoria per stadiazione patologie neoplastiche

Stomaterapia  e riabilitazione del pavimento pelvico (incontinenza fecale e stipsi)

L’assistenza dei pazienti stomizzati o con incontinenza fecale e stipsi si svolge nell’ambito dell’ambulatorio di coloproctologia. Il medico  e l’infermiere enterostomista dedicato lavorano sia in equipe che autonomamente  e condividono prescrizioni, indicazioni e risultati.

Prestazioni:              

  • stomaterapia e rieducazione funzionale degli stomizzati
  • ano-rettoscopie
  • biofeedback
  • E.S. (stimolazione elettrica funzionale)

La Struttura Chirurgia Generale ha come sua articolazione la Struttura Chirurgia della Mammella

La Struttura Chirurgia della Mammella rappresenta il nucleo dell’attività chirurgica relativa alla patologia neoplastica mammaria. Si occupa, pertanto, laddove sia indicata una procedura chirurgica dopo discussione G.I.C. (Gruppo Interdisciplinare di Cure):

  • della programmazione del prericovero e dell’intervento,
  • dell’organizzazione multidisciplinare in previsione dell’intervento con Chirurghi Plastici, Radiologi, Medici Nucleari, Endoscopisti es: eventuali ricostruzioni mammarie, posizionamenti di reperi, linfoscintigrafie,
  • del ricovero,
  • dell’effettuazione dell’intervento chirurgico da parte di un equipe di Chirurghi Senologi,
  • dei controlli ambulatoriali postoperatori.
  • della collaborazione con l’ASL AL per l’esecuzione degli esami di secondo livello dello Screening Regionale “Prevenzione Serena”

 

Ambulatori

Ambulatorio divisionale situato presso il poliambulatorio Santa Caterina

Tel. 0131 206080

Sono in fase avanzata di attivazione i seguenti ambulatori specifici per patologia:

Ambulatorio di proctologia

Ambulatorio per patologia colorettale

Ambulatorio di senologia,

Ambulatorio di chirurgia digestiva e chirurgia epato-bilio-pancreatica

Ambulatori di endocrino chirurgia

Vengono eseguite prime visite chirurgiche, medicazioni, visite di controllo e follow-up oncologici

Prime visite: lunedì mercoledì e venerdì dalle ore 13.00 alle ore 14.15

Visite di controllo: lunedì, mercoledì e venerdì 14:30- 15:00; martedì e giovedì’ dalle 14:00 alle 15:00.

Medicazioni: dal lunedì al venerdì dalle 16:30 alle 19:00

Visite di controllo: dal  lunedi al venerdi dalle 14:00 alle 15:00

Follow up oncologici : dal lunedì al venerdì dalle 16:00 alle 16:50

I pazienti operati e dimessi verranno visitati e medicati su prenotazione (come da relazione clinica di dimissione). Gli altri pazienti saranno visitati in base alla prenotazione stabilita dal CUP, muniti di impegnativa medica. Il pagamento del ticket sarà effettuato prima della prestazione.

Tempo medi di attesa: aggiornati in media sul sito aziendale.

Ambulatorio di stomaterapia e riabilitazione del pavimento pelvico:

Scala H 6° piano colore rosa.

Previa prenotazione telefonica con l’Infermiera Enterostomista Paola Sassone tel. 0131/206506 oppure 0131/206028.

I pazienti operati e dimessi saranno visitati e medicati su prenotazione (come da relazione clinica di dimissione), prima di tutti gli altri utenti, i quali verranno visti in base all’ordine d’arrivo, muniti di impegnativa medica.

Modalità di contatto e di accesso alla Struttura

Ricovero:

La Struttura Chirurgia Generale dispone di 9 stanze a due posti letto di degenza ordinaria e di 10 letti in camere singole. Le camere doppie sono dotate di servizi igienici e fornite di pannelli mobili di separazione per garantire la privacy. La zona dedicata alle  camere singole è climatizzata e anche questa fornita di servizi igienici.

Ricovero Programmato

L’accesso del paziente alla degenza di Chirurgia Generale può avvenire come Ricovero Programmato o come Ricovero Urgente.

Il Ricovero Programmato è deciso da un medico della Struttura secondo la data di inserimento nelle liste di attesa, tenendo conto della priorità determinata dal tipo di patologia; si concorda con il paziente la data prevista per l’esecuzione degli accertamenti preoperatori (prericovero).  Nel giorno previsto il paziente si dovrà presentare a digiuno alle ore 8,  presso la SSD Chirurgia diurna e ambulatoriale multidisciplinare e aziendale (2°piano, scala F, colore arancio), ove è attivo un ambulatorio per la gestione dei prericoveri. L’attività del pre-ricovero ha come obiettivo la preparazione del paziente all’intervento chirurgico, mediante l’esecuzione di esami biochimici (prelievo di sangue e urine), la radiografia del torace, l’ECG, gli eventuali altri esami strumentali, il colloquio con il medico della Struttura per l’anamnesi e il colloquio con l’anestesista. Ciò permette la riduzione del periodo di ricovero preoperatorio, con minor disagio per la persona e la famiglia.  In tale sede saranno fornite le informazione all’utente che riguardano:

  • le condizioni cliniche dell’utente stesso;
  • la tecnica di anestesia prescelta, i rischi e le complicanze ad essa connesse, la possibilità che la tecnica venga modificata in corso di intervento qualora l’anestesista lo ritenesse opportuno;
  • la tecnica chirurgica proposta, le eventuali complicanze, i rischi correlati alla mancata effettuazione dell’intervento e le modalità di preparazione, verranno forniti anche opuscoli informativi dettagliati relativi alla procedura indicata

L’informazione continua dell’utente proseguirà in tutte le fasi del suo percorso diagnostico-terapeutico.

Il tempo di attesa, dal momento del prericovero all’intervento è stabilito in relazione al tipo di patologia, contenuto in tempi minimi per le malattie neoplastiche.

Il giorno concordato per il ricovero programmato, il paziente si presenterà alle ore 7  presso il reparto per l’assegnazione del posto letto e, se previsto, per la preparazione per l’intervento (tricotomia, vestizione per la sala operatoria). A volte, per casi che dipendono dall’elevato turn over del reparto o da ricoveri urgenti avvenuti durante la notte, possono verificarsi ritardi nell’assegnazione del posto letto. Sarà nostro impegno trovare, in futuro, soluzioni per tale eventuale criticità.

A tutti i pazienti sarà consegnato un opuscolo informativo con le notizie utili sulla vita e sui servizi del reparto.

Ricevere informazioni in termini facilmente comprensibili  sullo stato di salute è un diritto di ogni paziente: i medici riceveranno i parenti per dare informazioni sul decorso clinico del paziente dalle 11:30-14:00 e dalle 18:00-19:0.

 Il primario riceve previi accordi con la Coordinatrice Infermieristica

I pasti vengono prenotati con possibilità di scelta tra diversi menù e secondo indicazione clinica e sono serviti in vassoi termici nei seguenti orari:

Colazione h 7,30        Pranzo h 12,30          Cena h.18

Per i parenti in assistenza ai pazienti  esiste la possibilità di un servizio pasti a pagamento.

Le visite sono utili e gradite; al fine di non interferire le  normali attività è necessario rispettarne gli orari. In caso di pazienti che necessitano di assistenza continua, verrà rilasciato un permesso dalla coordinatrice della struttura.

Gli orari di visita sono i seguenti:
Degenza ordinaria: ore 7.00-8.30  11.30-14.30  18.00-20.00

Camere singole: senza limitazione ma permessa ad una sola persona alla volta, con permesso scritto.

La dimissione avverrà nel pomeriggio, in serata o la mattina successiva, in caso di ricovero a ciclo breve (day hospital senza o con pernottamento), oppure entro le ore 14 del giorno comunicato al paziente, per i ricoveri ordinari.

Ricovero urgente

Il Ricovero Urgente con relativo modulo di richiesta è deciso:

  • dal Medico del D.E.A. per motivate priorità chirurgiche previa consulenza del medico della S.C. di Chirurgia Generale;
  • dal Medico della Struttura dopo visita in Ambulatorio o in consulenza in altre S.C. e S.S. Aziendali ed extra aziendali che evidenzia l’urgenza di ricovero;

Ricovero in Regime di Libera Professione

Nella Struttura Chirurgia Generale i pazienti che lo desiderano possono essere ricoverati in regime di Libera Professione scegliendo il Medico dello Staff e usufruendo dei servizi alberghieri previsti per questo regime di ricovero. Questa opzione comporta:

 

  • Scelta del Dirigente Medico che effettua la prestazione clinica. Nel caso del Reparto Chirurgico scelta del Chirurgo che effettuerà l’intervento e dell’Anestesista che si occuperà della valutazione anestesiologica preoperatoria, della narcosi e di tutti gli aspetti anestesiologici del perioperatorio. Il paziente al momento del ricovero o del prericovero sottoscrive un documento in cui individua i nominativi dei dirigenti medici che delega espressamente alla propria cura e che avranno la responsabilità personale del percorso diagnostico-terapeutico pur potendo delegare altri Dirigenti Medici dell’equipe all’espletazione di alcune procedure.
  • Opportunità alberghiere con livelli di comfort elevati: degenza in camera singola, fornita di servizi igienici, aria condizionata, televisione. E’ disponibile anche una suite di categoria A, predisposta per l’assistenza continua da parte dei congiunti.

Questa opzione di ricovero è completamente a carico dell’assistito sia per ciò che attiene all’ospitalità alberghiera, che per la parte clinica.

Presso gli uffici amministrativi, sono a disposizione per tutte le informazioni inerenti le tariffe delle varie tipologie delle prestazioni diagnostiche, chirurgiche ed anestesiologiche e di quelle riferite all’assistenza alberghiera.

Ricovero in regime di Day Hospital

I recenti progressi della medicina hanno reso possibile effettuare prestazioni e interventi chirurgici contenendo le necessità di ricovero nei limiti della giornata dell’intervento. È quindi spesso possibile ed auspicabile che un malato sottoposto ad un intervento chirurgico torni a casa nello stesso giorno per completare la convalescenza nel comfort e nella tranquillità della propria abitazione.

Il ricovero in regime di Day Hospital è riservato agli interventi di media chirurgia es: quadrantectomie mammarie con linfonodo sentinella per neoplasia, colecistectomie laparoscopiche, ernioplastiche, eseguiti in anestesia locoregionale o generale, con dimissione in giornata o anche dopo pernottamento, comunque entro le 24 ore dal ricovero. Anche in regime di Day Hospital é sempre necessario effettuare il prericovero per effettuare tutti gli accertamenti anestesiologici del caso per la sicurezza del paziente.

Aree di eccellenza

La Struttura Chirurgia Generale è centro di riferimento e di eccellenza per la chirurgia mininvasiva in elezione e in urgenza:  la chirurgia videolaparoscopica di base e avanzata e la chirurgia robotica.

La chirurgia videolaparoscopica è una metodica chirurgica che permette di eseguire interventi chirurgici, anche molto complessi, a “cielo chiuso”, ovvero senza la necessità di praticare lunghe incisioni della parete addominale (laparotomie). La visione del campo operatorio è ottenuta mediante l’insufflazione di gas in addome, l’utilizzo di strumenti ottici e l’inserimento degli strumenti chirurgici. I Chirurghi possono ottenere una visione completa e dettagliata mediante monitor ad alta risoluzione con la  possibilità di utilizzo di tecnologie di recente acquisizione ad esempio colonna laparoscopica con imaging a fluorescenza (IGC), colonna laparoscopica con tecnologia di visione 4 K

La  chirurgia mini invasiva utilizzata nella nostra Struttura ormai da più di 20 anni  ha portato enormi vantaggi sia in campo diagnostico che terapeutico:

  • Ridotta invasività con buon controllo del dolore postoperatorio
  • Rapido recupero della propria autonomia
  • Rapida ripresa della funzione intestinale
  • Rapida mobilizzazione
  • Mancanza degli effetti indesiderati sul sistema immunitario legati al trauma della chirurgia aperta
  • Degenza ospedaliera più breve
  • Migliore risultato estetico
  • Netta riduzione delle complicanze post-laparatomia (infezioni, ematomi di ferita, laparocele e patologia aderenziale

In particolare l’applicazione della chirurgia robotica, con l’alta precisione dei gesti chirurgici,  la visione tridimensionale e le altre caratteristiche peculiari del robot, offre grossi vantaggi nella terapia chirurgica delle neoplasie agevolando la radicalità oncologica nel rispetto dell’anatomia di strutture nobili migliori esiti funzionali.

Da marzo 2010 a Maggio 2017 sono stati effettuati complessivamente 820 interventi di chirurgia robotica, la maggior parte per patologia colorettale.

Quest’ampia casistica, oltre a dimostrare un rapido raggiungimento di consapevolezza tecnica e di sicurezza di procedura, conferma l’applicabilità del robot a tutti campi della chirurgia non solo addominopelvica ma consente di approcciare con vantaggi e sicurezza, patologie del fegato, stomaco, milza e surrene e  pancreas

In passato, la Nostra Divisione è stata anche sede per didattica e parte pratica del Corso Base  di Robotica della SIC (Società Italiana Chirurgia).

Da agosto 2011 è stato anche introdotto uso della fluorescenza con verde di indocianina, (IndoCyanineGreen-Near Infra Red fluorescence) per la visualizzazione intraoperatoria delle vie biliari e per la valutazione della perfusione vascolare ed il mappaggio linfonodale.

Da marzo 2015 è stata anche introdotto l’utilizzo della tecnica T.E.M. (Transanal Endoscopic Microsurgery) con apparecchiatura dedicata Wolf Ó per l’escissione transanale di lesioni rettali, non passibili per dimensioni di asportazione endoscopica completa, a scopo diagnostico e/o terapeutico.

Da gennaio 2018 sono state aggiornate anche le colonne per chirurgia laparoscopica in uso alla Struttura Chirurgui Generale con la possibilità di applicare i vantaggi della tecnica di visione a fluorescenza IGC anche negli interventi laparoscopici, sia in elezione che in urgenza, e la visione ultra HD 4K per gli interventi laparoscopici di chirurgia maggiore. L’applicazione e l’uso routinario di queste due tecnologie, imaging a fluorescenza IGC e visione ultra HD 4 K, consentirà un ulteriore miglioramento della qualità delle procedure con minori rischi di lesioni iatrogene per i pazienti.

Attività didattiche e di ricerca

L’ équipe medica è in contatto con importanti società scientifiche Società Italiana di Chirurgia, Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani, Società Italiana Colo Proctologia, Società Italiana di Chirurgia Endoscopica, Clinical Robotics Surgery Association (CRSA) e altre, collaborando con contributi scientifici e all’organizzazione di congressi. L’attività scientifica e formativa si esplica altresì mediante la realizzazione di corsi di aggiornamento specialistici per medici e infermieri, con accreditamento ECM.


 

 

 

 





 

 
 

 

CHIRURGIA GENERALE

segreteria 0131 206900
coordinatrice infermieristica 0131 206580
degenze 0131 206883/6303/6454/6506
ambulatorio S. Caterina 0131 206080
ambulatorio prericoveri 0131 206354
ambulatorio stomaterapia 0131 206028/6506
fax 0131 206274

fpriora@ospedale.al.it

Presidio Ospedaliero SS Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Via Venezia 16

Reparto: 8° piano scala H quadrato rosa
Ambulatorio Divisionale: Poliambulatorio Santa Caterina al piano terra settore F quadrato giallo.
Le sale operatorie sono situate al 2° piano del Nuovo Blocco Operatorio .


DIRETTORE

Priora Fabio


EQUIPE

Matteo Lenti

Ferruccio Ravazzoni

Maria Clara Macagno

Paola Nota

Fabrizio Perrone

Domenico Piscioneri

Marco Lodin

Anna Lucia Segreto

Vittorio Badò

Igor Monsellato

Giulio Argenio

Caterina Canepa

 

 


COORDINATORE INFERMIERISTICO

Paola Toselli

Personale amministrativo:

Giovanni Vicidomini

 


Scarica qui la Carta dei Servizi

Accessibility