CORONAVIRUS – AGGIORNAMENTI

COVID-19: AGGIORNAMENTI

L’Azienda Ospedaliera opera in stretto contatto con l’Unità di Crisi della Regione Piemonte, per riorganizzare in modo tempestivo i servizi all’utenza e adattarli all’evolversi della situazione.

In questa pagina sono contenuti gli aggiornamenti su

  • ordinanze
  • comportamenti da adottare per evitare la diffusione del COVID-19 all’interno dell’Azienda Ospedaliera
  • buone pratiche del Ministero della Salute
  • fonti autorevoli da consultare

 

Per rimanere aggiornati sulle attività dell’Azienda Ospedaliera è possibile seguire

A seguito delle indicazioni fornite dall’Unità di Crisi, i professionisti dell’Azienda Ospedaliera stanno lavorando per riorganizzare i servizi all’utenza e adattarli all’evolversi della situazione.

Sono sospese tutte le prestazioni programmate ambulatoriali che si trovano in classe D (differibile, da eseguire entro 30 giorni per le visite o 60 per gli accertamenti diagnostici) e P (programmabile), salvo quelle ritenute non differibili.

📍Tutti i pazienti che accedono per effettuare prestazioni in classe B (breve, da eseguire entro 10 giorni) e U (urgente, da eseguire entro 72 ore) vengono pre-triagiati davanti ad ogni ambulatorio.
📍Il pre-triage comporta una breve intervista e in caso di tosse, raffreddore o febbre al paziente viene consegnata una mascherina chirurgica.
📍Le visite devono essere scaglionate e quindi potrebbero subire dei ritardi.

 

Poliambulatorio Ghilini: chiusura segreteria ore 16, anticipato rispetto all’attuale (ore 18)

Poliambulatorio S.Caterina: chiusura segreteria ore 16, anticipato rispetto all’attuale (ore 18)

Poliambulatorio Gardella: l’orario di ritiro referti, per chi non ha ricevuto indicazioni circa la spedizione a domicilio (come da ultima comunicazione che ti allego) sarà dalle 11 alle 13, anziché dalle 13 alle 17,45.

Si ricorda inoltre che su indicazione del DPCM del 8.3.2020 è fatto divieto agli accompagnatori dei pazienti di permanere nelle sale di attesa dei dipartimenti emergenze e accettazione e dei pronto soccorso (DEA/PS).

 

 

INDICAZIONI OPERATIVE PER I VISITATORI

Accessi ai servizi ambulatoriali:
1. L’accesso dovrà avvenire singolarmente.
2. Sarà consentito l’ingresso/assistenza di solo N.1 accompagnatore esclusivamente nei casi di comprovate limitazioni e incapacità funzionali, ovvero di minore età.
3. Sono sospese tutte le prestazioni programmate ambulatoriali che si trovano in classe D e P, salvo quelle ritenute non differibili.
4. Si raccomanda di presentarsi in prossimità dell’orario di appuntamento per minimizzare il tempo dedicato all’attesa.

Visite ai degenti:
1. È ammessa la visita di una sola persona – che non abbia sintomatologia respiratoria (raffreddore, tosse, ecc.) o febbre – alla volta per paziente. Si prega di attenersi agli orari di visita del reparto e alle indicazioni del personale.
2. Prima di entrare nella stanza, viene richiesto l’utilizzo del gel posto all’ingresso delle stanze di degenza.
3. Si raccomanda ai visitatori di evitare il contatto con superfici e suppellettili dell’ospedale, potenzialmente contaminati (arredi, maniglie, spalliera del letto, etc).
A seguito delle indicazioni fornite dall’Unità di Crisi, la Direzione Generale regolamenta le modalità per l’ingresso di parenti, visitatori e accompagnatori come segue.
Accesso ai presidi ospedalieri:
• A tutti i cittadini che accedono ai presidi ospedalieri viene rilevata la temperatura corporea e viene fornito il gel antisettico per le mani.
• Ai pazienti con sintomatologia respiratoria (raffreddore, tosse, ecc.) o febbre è richiesto di accedere muniti di mascherina.
• L’accesso ai presidi ospedalieri è consentito nei seguenti orari:

 

Ospedale civile 

Sono stati predisposti due check point in cui viene rilevata la temperatura corporea sia per i dipendenti che per i visitatori e i pazienti.

I due check point si trovano all’ingresso del Fiandesio (con orario 7:30 – 13:30) e nel corridoio dell’ingresso di via Venezia (con orario 7 – 20).

VIA VENEZIA

orario Dipendenti Visitatori
6.30 / 7.00 SI – mostrano badge NO
7.00 / 20.00 Entrata / Uscita Entrata / Uscita
20.00 / 22.00 Uscita Uscita
22.00/ 6.30 CHIUSO CHIUSO

 

Ingresso Fiandesio solo giorni feriali (no sabato, domenica e festivi)

orario Dipendenti Visitatori
7.30 / 13.30 Entrata / Uscita Entrata / Uscita
13.30/ 7.30 CHIUSO CHIUSO

 

Spalto Marengo

orario Dipendenti Visitatori
00.00/7.30 Entrata mostrando badge/ Uscita NO
7.30 / 13.30 CHIUSO con catena solo feriale NO
13.30/ 00.00 Entrata mostrando badge/ Uscita NO

 

Ospedale pediatrico

Sono stati predisposti due check point in cui viene rilevata la temperatura corporea sia per i dipendenti che per i visitatori e i pazienti.

I due check point si trovano all’ingresso principale (con orario 7 – 21) e in Pronto Soccorso (pre-triage h24).

orario Dipendenti Visitatori
7.00 / 21.00 Entrata / Uscita Entrata / Uscita
21.00 / 7.00 Entrata mostrando badge/ Uscita NO

 

Borsalino

E’ stato predisposto un check point in cui viene rilevata la temperatura corporea sia per i dipendenti che per i visitatori e i pazienti.

Il check point si trova all’ingresso principale (con orario 8 – 13:30 /16:30 – 20). Si invitano i dipendenti a recarsi presso il check point prima di entrare in servizio.

orario Dipendenti Visitatori
8.00 / 13.30 Entrata mostrando badge/ Uscita Entrata / Uscita solo feriale
11/30 / 13.30 Entrata / Uscita sabato, domenica e festivi
13.30 / 16.30 NO
16.30 / 20.00 Entrata / Uscita
20.00 / 8.00 NO

 

 

I cittadini possono accedere alle attività, ad esempio

  • visite e terapie oncologiche ed ematologiche, compreso day hospital
  • medicazioni post chirurgiche, le visite di controllo e le prestazioni post dimissione
  • visite e controlli calendarizzati per le donne in stato di gravidanza
  • visite ginecologiche indifferibili
  • dialisi
  • distribuzione diretta dei farmaci in Ospedale e negli ambulatori dedicati specialistici
  • controlli per i pazienti insulinodipendenti
  • donazioni di sangue
  • visite e somministrazione di farmaci nelle varie discipline che abbiano carattere indifferibile

Prenotazione di visite ed esami e ritiro referti:
Al fine di evitare di affollare le sale d’attesa degli Sportelli Unici-CUP, si richiede ai cittadini di utilizzare il numero verde 800.017747 da telefono fisso, o il numero 0131/202220 da telefono cellulare, dal lunedì al venerdì dalle 08:30 alle 16:30. È inoltre possibile inviare la richiesta di prenotazione online.

Per informazioni e prenotazioni da richiedere direttamente agli ambulatori e ai servizi di laboratorio analisi, microbiologia, radiologia e medicina nucleare, si invita a contattare il numero telefonico del centralino aziendale 0131-206111.
A partire dal 13/03, i referti degli esami di radiologia, del laboratorio analisi, del pronto soccorso e della medicina nucleare verranno inviati tramite posta al domicilio del paziente. A tal fine si raccomanda di controllare l’esattezza del proprio indirizzo al momento dell’accettazione.
Per le visite che sarebbero state erogate a partire dal 16 marzo, i cittadini riceveranno un SMS che comunica l’eventuale sospensione della prestazione. Il cittadino sarà ricontattato per prenotare un nuovo appuntamento.

 

SCARICA L’OPUSCOLO CON LE INDICAZIONI OPERATIVE PER GLI UTENTI DELL’OSPEDALE: ORARI DI ACCESSO, VISITE, PRENOTAZIONI E MOLTO ALTRO

 

SCARICA LE NORME COMPORTAMENTALI PER LA PROTEZIONE DELLA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS DESTINATE AGLI OPERATORI TECNICI DIPENDENTI E DI AZIENDE ESTERNE

 

INDICAZIONI PER I PAZIENTI ONCOLOGICI

Per garantire i controlli evitando la diffusione del coronavirus, sarà proseguita l’attività di monitoraggio clinico, quando possibile, attraverso una chiamata telefonica fatta dal medico oncologo che valuterà gli esiti degli esami eseguiti e acquisirà le informazioni utili per condurre un programma di follow up o per decidere in merito alle necessità del paziente.

SCARICA L’OPUSCOLO 

 

IL CORRETTO UTILIZZO DEI GUANTI CONTRO COVID-19

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

INDICAZIONI PER LE MAMME DI BIMBI NATI PREMATURI

Gli incontri di Latte a Colazione sono sospesi, ma voi mamme non siete sole! Le infermiere, le ostetriche e l’associazione Io arrivo prima vi sono vicine anche da lontano, fornendovi il loro aiuto e sostegno virtuale ma concreto. Per consigli e suggerimenti sull’allattamento potete scrivere una mail a bollamanuela@gmail.com

SCARICA LA LOCANDINA 

 

PRONTO SOCCORSO PSICOLOGICO PER I CITTADINI

Secondo McCann e Pearlman (1990), il supporto sociale è l’esperienza psicologica individuale dell’aiuto altrui. L’adeguatezza del supporto è una variabile molto importante. Infatti, se la persona esposta ad un evento critico
individuale può avere un buon supporto sociale, quando è la società stessa vittima di disastri o conflitti, le conseguenze stesse dell’evento danneggiano i sistemi di supporto sociale (Yule, 2000). La traumatizzazione da individuale (per le persone colpite e i loro familiari), può estendersi alla collettività, e questo può modificare i pensieri, le emozioni e i comportamenti del singolo.

I professionisti della Psicologia dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria hanno attivato un servizio di Pronto Soccorso Psicologico per i cittadini e per gli operatori sanitari sottoposti a uno stress straordinario dovuto al coronavirus e alle sue conseguenze sul singolo e sui rapporti con la collettività.

SCARICA L’OPUSCOLO DEL PRONTO SOCCORSO PSICOLOGICO LEGATO AL CORONAVIRUS PER I CITTADINI

Con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 marzo 2020, le misure per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus Covid-19 previste nell’articolo 1 del Dpcm 8 marzo 2020 sono estese all’intero territorio nazionale.

Inoltre in tutta Italia viene vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico, e vengono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati, salvo lo svolgimento degli eventi e delle competizioni sportive organizzati da organismi sportivi internazionali, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse.

Salvo diverse disposizioni, il nuovo Dpcm è valido fino al 3 aprile 2020.

In caso di sintomi influenzali, non recatevi al Pronto Soccorso ma usate i numeri attivati:

– 1500: numero verde nazionale per informazioni di carattere generale e sui comportamenti di prevenzione

 

– 800. 19.20.20: se avete il dubbio di aver contratto il virus. Il numero verde è stato istituito dalla Regione Piemonte ed è attivo 24 ore su 24. Si ricorda che il numero verde non è deputato a dare chiarimenti su dubbi circa l’applicazione delle misure di contenimento disposte dal Governo

 

– 112: numero di riferimento per le emergenze sanitarie

DOMENICA 8.03.2020 – ORE 17.00_INCREMENTO DI CHIAMATE AL NUMERO VERDE REGIONALE 

Aumentano le chiamate al numero verde. Impennata di telefonate negli ultimi giorni al numero verde sanitario, 800.19.20.20, che è passato da una media di 700 telefonate al giorno alle 1800 di giovedì, alle 2900 venerdì, fino alle 3800 sabato. Contestualmente sono aumentare le chiamate al numero unico dell’emergenza sanitaria 112, che è stato potenziato per fare fronte a questo flusso improvviso.

L’Unità di crisi della Regione Piemonte ricorda che il numero verde sanitario 800.19.20.20 non è deputato a dare chiarimenti su dubbi circa l’applicazione delle misure di contenimento disposte dal Governo. Deve essere utilizzato solo per ricevere indicazioni in caso si abbia il dubbio di aver contratto il virus.

 

LUNEDI’ 25.02.2020 – ORE 19.00_LA REGIONE PIEMONTE ATTIVA IL NUMERO VERDE 800.19.20.20 

L’Unità di crisi della Regione Piemonte sul “coronavirus covid19” ha istituito il numero verde sanitario 800.19.20.20, attivo 24 ore su 24, a disposizione di tutti i cittadini che abbiano il dubbio di aver contratto il virus.

Al telefono risponde personale specializzato, che esegue una sorta di pre-triage, e, sulla base di una serie di domande e risposte, indica al paziente cosa fare o dove recarsi per ottenere la risposta assistenziale più appropriata.

Il servizio è stato organizzato presso i presidi dell’Emergenza sanitaria regionale di Grugliasco, per alleggerire i numeri dedicati normalmente all’emergenza dal grande flusso di chiamate che in queste ore sta intasando i centralini del 112 e 118, con il rischio di rallentare i soccorsi.

Il 112 rimane il numero di riferimento per le emergenze sanitarie e altri tipi di emergenze.

Per informazioni generiche di carattere sanitario sul “coronavirus covid19” e sui comportamenti di prevenzione, si rimanda al 1500, numero verde del ministero della Salute.

La Regione Piemonte, inoltre, ha potenziato il numero verde 800.333.444, attivo dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 21.00, per fornire chiarimenti sulle misure adottate in materia di covid19 di natura non sanitaria.

 

LUNEDI’ 24.02.2020 – ORE 17.00_L’Azienda ricorda che le tende montate davanti al Pronto Soccorso dei presidi Civile e Infantile servono per le attività di pre-triage, in modo che gli eventuali casi sospetti di contagio possano accedere a un percorso differenziato, a tutela delle norme di prevenzione che impediscono la diffusione del virus. Si precisa che non viene effettuata attività di screening sulla popolazione tramite l’esecuzione di tamponi. 

 

LUNEDI’ 24.02.2020 – ore 10.00_L’Azienda Ospedaliera di Alessandria, nel recepire l’ordinanza del Ministero della Salute e della Regione Piemonte di massima precauzione a tutela della comunità per evitare il diffondersi del Coronavirus, segnala la sospensione di tutti i corsi di formazione programmati fino al 2 marzo compreso. Saranno fornite ulteriori informazioni non appena disponibili.

Il Ministero della Salute ha realizzato video informativi per rispondere alle più semplici domande:

 

qui l’opuscolo per il corretto lavaggio delle mani 

 

La pagina del Ministero della Salute con le principali FAQ sul coronavirus è in costante aggiornamento: clicca qui per consultarla

 

1) Ministero della Salute: FAQ – Covid-19, domande e risposte

 

2) Istituto Superiore di Sanità: sezione in Home Page dedicata

 

3) EpiCentro: sezione dedicata con news, informazioni essenziali, infografiche, materiali divulgativi e aggiornamenti sulla situazione in Italia e sugli altri focolai nel mondo

 

4) Regione Piemonte: la gestione della situazione in Piemonte

 

5) Seremi: aggiornamenti costanti

 

6) Garante della Privacy: sezione dedicata per evitare iniziative “fai da te” nella raccolta dei dati

 

7) AIFA: sezione dedicata all’emergenza Covid-19

 

8) GIDIF: False notizie sul Coronavirus: dove verificarle

1) Biblioteca Virtuale per la Salute Piemonte: sezione dedicata alla documentazione prodotta da alcune istituzioni e messa a disposizione da editori su COVID-19

 

2) PubMed: sezione “Trending Articles” con una serie di articoli scientifici specificatamente dedicati al coronavirus

 

3) Cochrane Library: “special collection” che raccoglie le revisioni considerate più rilevanti per gestire le persone ricoverate con gravi infezioni respiratorie in acuto

 

4) UpToDate: una pagina costantemente aggiornata che raccoglie risorse e strumenti dedicati a operatori sanitari e ricercatori e un’altra pagina con i link alle principali linea guida internazionali in materia di coronavirus

 

5) Dynamed: sezione del point of care per consultare tutte le informazioni disponibili sul virus, con un aggiornamento quotidiano di dati e studi

 

6) BMJ: sezione delle riviste del British Medical Journal dove è disponibile la consultazione di alcune pubblicazioni free

 

7) The Lancet: sezione che riunisce articoli free pubblicati sulle riviste del gruppo editoriale

 

8) New England Journal of Medicine: raccolta di articoli e altre risorse sul coronavirus tra cui rapporti clinici e linee guida di gestione

 

9) Jama: sezione dedicata agli articoli sulle diagnosi e i trattamenti del coronavirus

 

10) Springer Nature: selezione free delle pubblicazioni dell’editore

 

11) Elsevier – Centro Risorse sul Nuovo Coronavirus: raccolta free delle evidenze scientifiche più recenti curata da medici ed esperti Elsevier

 

12) National Institute of Environmental Health Science: sezione dedicata a Covid-19

 

13) NEJM Journal Watch: sezione dedicata a Covid-19 con rassegna dei maggiori articoli pubblicati in materia

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI – 8 MARZO 2020

Il Presidente del Consiglio ha firmato un nuovo provvedimento con ulteriori misure restrittive per il contrasto e il contenimento sull’intero territorio nazionale del diffondersi del coronavirus. In particolare, in Piemonte vengono introdotte particolari limitazioni per le province di Alessandria, Asti, Novara, Vercelli e Verbano-Cusio-Ossola.

A seguito del Decreto, la Direzione Generale dell’Azienda Ospedaliera ha aggiornato anche le Disposizioni operative per i propri dipendenti

 

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI – 4 MARZO 2020

Il Presidente del Consiglio ha firmato un nuovo provvedimento con misure riguardanti il contrasto e il contenimento sull’intero territorio nazionale del diffondersi del coronavirus.

– Consulta il testo del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (Dpcm) 4 marzo 202

 

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI – 1 MARZO 2020

Il Presidente del Consiglio ha firmato un provvedimento che recepisce e proroga alcune delle misure già adottate per il contenimento e la gestione dell’emergenza coronavirus.

– Consulta il testo del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (Dpcm) 1 marzo 2020

 

ORDINANZA REGIONALE 23 FEBBRAIO “MISURE URGENTI IN MATERIA DI CONTENIMENTO E GESTIONE DELL’EMERGENZA DA COVID-19”

Articolo 1 – Misure urgenti

1. Allo scopo di evitare il diffondersi del COVID-19 nel territorio regionale, il Presidente della Regione Piemonte ha adottato misure straordinarie per il contenimento e il contrasto della situazione epidemiologica.

2. Le principali misure adottate nell’ordinanza sono:
a) Sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di aggregazione in luogo pubblico o privato, sia in luoghi chiusi che aperti al pubblico, anche di natura culturale, ludico, sportiva e religiosa;
b) Chiusura dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, corsi professionali (ivi compresi i tirocini), master, corsi universitari di ogni grado e università per anziani, con esclusione degli specializzandi nelle discipline mediche e chirurgiche e delle attività formative svolte a distanza;
c) Sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all’articolo 101 dei Codici dei beni culturali e del paesaggio di cui al D.L. 42/2004, nonché dell’efficacia delle disposizioni regolamentari sull’accesso libero o gratuito a tali istituti o luoghi;
d) Sospensione di ogni viaggio di istruzione sia sul territorio nazionale che estero;
e) Previsione dell’obbligo da parte di individui che hanno fatto ingresso nel Piemonte da zone a rischio epidemiologico come identificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità di comunicare tale circostanza al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda sanitaria competente per territorio per l’adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva.

Costituiscono misure igieniche per prevenire la diffusione delle malattie respiratorie:
a) Lavarsi spesso le mani: a tal proposito si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;
b) Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;
c) Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;
d) Coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;
e) Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
f) Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;
g) Usare la mascherina solo si sospetta di essere malato o si assiste persone malate;
h) Considerare che i prodotti Made in China e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi;
i) Considerare che gli animali da compagnia non diffondono il Coronavirus  COVID 19;
j) Evitare tutti i contatti ravvicinati;
k) Ricordare che i cittadini che presentino evidenti condizioni sintomatiche ascrivibili a patologie respiratorie, fra cui rientra il Coronavirus COVID 19, possono contattare il numero 1500, il proprio medico di base e le ASL di riferimento ovvero, solo in caso di reale urgenza, il numero 112 e che si devono evitare accessi impropri al pronto soccorso.

Articolo 2 – Durata e altre misure urgenti per evitare la diffusione del COVID-19

I provvedimenti del presente decreto hanno efficacia dalla data della firma del presente documento fino a sabato 29 febbraio 2020. La presente ordinanza è soggetta a modifiche al seguito del variare dello scenario epidemiologico. Ai sensi della vigente normativa, salvo il fatto che non costituisca più grave reato, il mancato rispetto delle misure di contenimento di cui al presente decreto è punito secondo le previsioni contenute del Codice penale.

  • Le Direzioni sanitarie ospedaliere pubbliche, private, convenzionate ed equiparate devono predisporre la massima limitazione dell’accesso dei semplici visitatori alle aree di degenza. Le strutture residenziali e semiresidenziali territoriali di post-acuzie, fra cui, ad esempio, RSA, RAF, CAVS, Centri Diurni, Comunità Alloggio, devono limitare l’accesso dei visitatori agli ospiti.
  • Si raccomanda fortemente che il personale tecnico (OSS) e sanitario si attenga alle misure di prevenzione per la diffusione delle infezioni per via respiratoria, nonché alla rigorosa applicazione delle indicazioni per la sanificazione e disinfezione degli ambienti previste dalla circolare ministeriale;
  • Deve essere predisposta dagli organismi competenti la disinfezione giornaliera dei treni regionali e di tutto il trasporto pubblico locale via terra, via aerea e via acqua;
  • Sono sospese le procedure concorsuali ad esclusione dei concorsi per personale sanitario;
  • Sono sospesi congedi ordinari del personale sanitario e tecnico nonché del personale le cui attività siano necessarie a gestire le attività richieste dall’Unità di Crisi.
Accessibility