Gamma-Cmera-1

Azienda Ospedaliera di Alessandria: inaugurazione dei nuovi locali della gamma camera in Medicina Nucleare

By: | Tags: | Comments: 0 | luglio 5th, 2017

Oggi pomeriggio alla presenza dell’Assessore alla Sanità Antonio Saitta

Le migliori tecnologie di un ospedale tutte concentrate in 150 metri quadriq. Accade nel nuovo reparto di Medicina Nucleare dell’Azienda Ospedaliera Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo di Alessandria inaugurato venerdì 5 maggio alla presenza dell’Assessore alla Sanità della Regione Piemonte Antonio Saitta, del Direttore Generale Giovanna Baraldi, del Direttore della Medicina Nucleare Alfredo Muni.
Ad aprire la cerimonia di inaugurazione del nuovo reparto di Medicina Nucleare è intervenuta la Dott.ssa Baraldi, Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo di Alessandria che ha ringraziato calorosamente tutti i presenti e in particolare le autorità: “in primo luogo vorrei sottolineare come oggi sia l’occasione per fare un primo bilancio delle attività dell’Azienda: nel 2015 erano stati individuati come punti di forza la competenza, la professionalità, l’impegno e la capacità di formazione e di ricerca che oggi diciamo sono le nostre eccellenze, a fronte di criticità che abbiamo saputo affrontare. Da maggio 2015 a dicembre 2016, infatti, nonostante le difficoltà, la produzione del fatturato è aumentata di 7.588.000 milioni mantenendo sempre costanti i costi di gestione, grazie ad alcune scelte importanti legate all’appropriatezza: il raggruppamento di aree produttive omogenee, una organizzazione orizzontale basata sul principio della condivisione delle risorse e la riorganizzazione dei processi in logica di eliminazione dei costi inutili. Questo significa più ricoveri, più accessi, più prestazioni ambulatoriali e diurne, più interventi chirurgici e migliore accoglienza. Oltre alla sfida del nuovo Blocco Operatorio che verrà inaugurato il 29 giugno, abbiamo ulteriori sfide da portare avanti: l’apertura entro dicembre di una nuova Terapia Intensiva e la trasformazione di quella vecchia in Terapia Intensiva Neonatale, per porre fine alla separazione delle mamme dai loro figli appena nati, ma anche di investimenti per attrezzature innovative e fondi per la riconversione di tre sale operatorie del blocco 1 all’ottavo piano in sale parto e sala cesareo”.

Il testo completo in allegato.

 

Inaugurazione della Gamma Camera

 

Accessibility